COUNSELING ORGANIZZATIVO E RIVOLTO ALLA FORMAZIONE NELLE PICCOLE E GRANDI ORGANIZZAZIONI

Secondo alcune delle ultime ricerche in psicologia del lavoro, il concetto di innovazione all’interno di una organizzazione o di un gruppo di lavoro è cambiato.
Mentre prima l’innovazione era esclusivamente l’idea in se, che doveva essere originale e nuova, oggi l’innovazione guarda anche al gruppo di lavoro.
Da questo si desume che il gruppo, ossia le persone con il quale si realizza una idea, diviene sempre più un elemento fondamentale da tenere presente per avere successo.

Durante le consulenze il mio metodo di lavoro si fonda sulla teoria dell’andragogia che propone di superare il metodo pedagogico mettendo al centro delle attività formativa le persone in aula e non il docente o i contenuti. 

La consulenza che propongo prevede alcune fasi molto specifiche.


L’ANALISI DELLA DOMANDA

Durante questo momento preliminare, il committente presenta una problematica, che può andare da una difficoltà di un gruppo di lavoro ad essere efficiente, oppure la difficoltà di un leader a guidare, oppure semplicemente a voler trasmettere dei contenuti specifici ad un team (ad esempio le gestione del conflitto, tecniche di comunicazione efficace, assertività e ascolto attivo,etc).
Durante l’analisi della domanda, il committente ha la possibilità di allargare la comprensione del problema e decidere quale intervento proporre nel gruppo di lavoro.

formazione

PROPOSTA DI INTERVENTO

Una volta conclusa la fase esplorativa propongo un intervento che solitamente consiste:

  • Attività di formazione in aula/on line, attraverso l’utilizzo di tecniche che si basano sull’andragogia e quindi sul coinvolgimento della persona in aula, rispettando il contesto e le caratteristiche dei partecipanti.
  • Formazione Outdoor, attraverso l’utilizzo di tecniche che si basano sull’appredimento dall’esperienza.

PROPOSTA DI VALUTAZIONE AL TERMINE DELL’INTERVENTO

Quando la consulenza si traduce in un intervento, al termine prevedo un momento strutturato per la raccolta dei dati utili a misurare il ROI, ossia il ritorno di investimento della formazione.

Durante questa fase si valuta l’efficacia dell’azione formativa tenendo presente:

  • Il gradimento dei destinatari
  • L’apprendimento che è stato raggiunto
  • Il comportamento e le azioni che sono derivate dall’apprendimento fatto
  • I risultati ottenuti a seguito dell’adozione dei nuovi comportamenti appresi
Chiudi il menu
PRENOTA UN APPUNTAMENTO